מונה כניסות : 4910106

In questa sezione pubblicheremo
di volta in volta 
nuovi articoli su
temi attuali
-----------------

Shuvi Shuvi ha Shulamit

-------------------

Riflessioni sulla vastezza e profondità della Sapienza cabalistica.


Cabalà è una parola ebraica

Viene dalla radice Quf - Beit - Lamed,

קבל

 e andrebbe meglio traslitterata così: Qabbalah.

Il nostro sito è in italiano, ed abbiamo preferito chiamarla con la semplice parola Cabalà, la più vicina al suono che viene pronunciato oggi quando la si nomina in ebraico. 

Cabalà significa “ricevuta”. È sempre stata una tradizione che viene trasmessa direttamente da maestro a discepolo, e non la si può apprendere solo da libri e da pubblicazioni. Certamente, anche lo studio diretto dei testi sacri e dei loro commentari è fondamentale per procedere lungo la Via.

La Cabalà cerca il contato diretto col Divino, sia con l’Unità assoluta della Sua Interiorità che con la Molteplicità delle forme e dei Nomi coi quali il Divino si rivela. La vera Cabalà cerca anche il contatto con una terza dimensione: l’Essenza Divina (Atzmut), oltre tutto ciò.

 In che modo si persegue un traguardo così nobile ed elevato? Nel linguaggio del Pentateuco, il significato più profondo del termine “qabbalah non è “ricevere” ma “essere parallelo” (maqbil). La Cabalà cerca i legami profondi tra ogni esistenza creata e il suo Creatore. Contemplando la rete sottile di corrispondenze che ricama l’intera creazione, l’anima viene accolta nella stessa beatitudine che è la materia prima di ogni cosa che esiste. Dal macro al microcosmo, la Cabalà permette di scorgere il Filo Scarlatto, il trait d’union che unifica ogni singolo essere dell’universo, dentro di se e fuori di se.

Si osservino da daestra a sinistra le tre lettere ebraiche del verbo QABEL, "essere parallelo", scritte sopra. La prima, la Quf,  ק ,ha una gamba che scende in basso, nel profondo della realtà. La Beit ב al centro ha valore numerico Due, e la Cabalà è la regina madre delle sapienze che trovano i collegamenti e le corrispondenze capaci di riconciliare ogni tipo di dualismo nell'universo. L'ultima lettera è la Lamed, ל, la più alta di tutto l'Alef Beit. Ciò indica il processo di elevazione: dal più basso al più alto, ma in pieno rispetto delle qualità di ognuno dei poli opposti. Si veda anche questo articolo sulle straordinarie proprietà del valore del termine Qabbalah, 137

 La Cabalà è una tradizione di insegnamenti mistici, iniziata almeno tremila anni fa coi primi Patriarchi e poi coi Profeti di Israele. Si basa sul riconoscimento e sull’interazione di Trentadue Elementi base, i 32 Sentieri della Sapienza: Dieci Sefirot e Ventidue lettere dell’alfabeto ebraico. Nel loro insieme è nascosto un 33° elemento, la misteriosa Da'at, la Conoscenza Unificante.

 I percorsi e gli scambi tra queste entità si estendono in un campo d’insieme composto da quattro Mondi, cinque livelli dell’Anima, e dodici Partzufim o “Personificazioni”. Su tutto ciò vigilano i principali Nomi di Dio, in particolare il Tetragamma, Shem Havaià barukh Hu..

 La Cabalà può venire avvicinata e studiata da tutti i sinceri ricercatori della Verità e della Bellezza, di qualunque religione o credo o filosofia essi siano. Non è necessario sapere l’ebraico, ma uno dei segni che la Cabalà è davvero la Via adatta alla propria anima si ha quando la persona si sente affascinata, quasi rapita, dalla forma, nome e suono delle lettere dell'Alef Beit.

La Cabalà è una via universale verso la Conoscenza e l’Illuminazione. Pur basandosi sul testo ebraico della Bibbia, i suoi insegnamenti sono integrabili ed applicabili da ogni essere umano. Per quanto non tutti gli esperti siano d'accordo su ciò, pur avendo una cospicua parte dedicata all'intelletto, la Cabalà è soprattutto una Via Mistica verso il Divino. Ciò significa che è soprattutto adatta a chi, oltre a far funzionare la testa, ha il cuore aperto e vibrante, e sa dara il giusto spazio ai sentimenti nel suo rapporto verso gli altri e verso il Divino. Avere il "cuore aperto" non è un'espressione sentimentalista, bensì significa essere pronti a modificare, trasformare, perfino capovolgere la propria vita, se la Via intrapresa porta a ciò. Si può davvero dire che il primo cabalista fù il primo ebreo, Abramo, che obbedì due volte alla chiamata: "Vai a te stesso" (Lekh lekhà, לך לך )


Benvenuti nel sito della nostra Scuola di studi cabalistici: la Sapienza della Verità.

                                                                                 Nadav Hadar Crivelli

Qui di seguito rimandiamo a due capitoli del libro di Nadav: Introduzione alla Cabalà, (ed. Psiche2). 

Sono argomenti base per chi vuole inoltrarsi nel mondo cabalistico.

Cos'è la Cabalà

Le Meraviglie della Cabalà

L
eggete anche questo importante articolo introduttivo, dal nostro sito precedente:

ALBERO DELLA VITA (cliccando sui links avrete accesso anche ad una breve spiegazione di ogni sefirà)


 



IL RITORNO DELLA SAPIENZA ESSENA


SEMINARIO DI DUE GIORNI A TREVISO


Shabbat 29 e Domenica 30 ottobre


leggi qui


*************************

L'ULTIMO LIBRO DI NADAV HADAR, SCRITTO INIEME A YEDIDIA RICCARDO SCOTTI:

L'INCENSO DEL TEMPIO E L'OLIO DELL'UNZIONE


libro sull'incenso


____________________



  


___________________________________

 


 

_________________________

 

nuovo articolo:
Crescete e Moltiplicatevi

__________________
_____________________


LA VIA DELL'AMORE

il migliore tra i libri di Nadav Hadar


 

  Contattaci
  

Home page | La nostra scuola |  Seminario Estivo | Viaggio Mistico | Contatti
האתר נבנה במערכת 2all בניית אתרים