מונה כניסות : 5131290

In questa sezione pubblicheremo
di volta in volta 
nuovi articoli su
temi attuali
_____________

UN



PACIFICO
GIOIOSO
 PROSPERO


PER TUTTI

------------------

L’amore: il più bello ed intenso dei sentimenti

Qui di seguito, pubblichiamo in anteprima alcuni capitoli tratti dal nuovo libro di Nadav Hadar Crivelli:

Maschio e Femmina li Creò: Zachar u-neqevà barà ottam

Clicca qui per acquistare una copia del libro

L’amore è il più bello ed intenso dei sentimenti che l’essere umano possa provare. La personalità, innamorandosi, subisce delle trasformazioni incredibili. La voce diventa più gentile, il comportamento educato e controllato. L’attenzione si acuisce, si cerca di evitare parole superflue o discorsi inutili. Pur se motivato dal “volere fare bella figura”, questi addolcimenti della personalità danno la misura di quanto spazio espressivo il bene possieda all’interno di ciascuno di noi. Sovente, emergono o si rafforzano doti creative di tutto rispetto, si concepiscono pensieri più elevati, si compongono poesie. Chi canta o suona sentirà nella musica delle risonanze nuove e toccanti. È un vero peccato che molte persone non colgano queste opportunità, e si costringano a non amare, o a relegare tali sentimenti ai pochi spazi liberi che il lavoro ed altri interessi lasciano. Amare non è solo un moto incontrollato del sentimento, o viene o non viene. E’ una scelta della consapevolezza, guidata e nutrita dall’anima superiore.

Il senso del tempo si trasforma, pur se ciò a volte dà degli svantaggi, come la sensazione dell’allungarsi dell’attesa tra un incontro e l’altro. Tuttavia, se la saggezza inizia a spuntare nei cuori, queste attese diventano dei necessari periodi di incubazione, durante i quali crescono la bellezza e la gioia dell’incontro successivo. Il santo Zohar (Libro dello Splendore) dice che il mondo presente si chiama: “mondo del fidanzamento”, e solo quello a venire può fregiarsi del titolo : “mondo del matrimonio”. Si fa osservare come tale differenza non indichi un semplice vantaggio qualitativo a favore del secondo. Per quanto profonde siano, in questa vita le relazioni uomo-donna rischiano sempre l’impermanenza. Le personalità cambiano a velocità impressionanti, oppure non cambiano per niente, e anche ciò è fonte di stress. Considerare un rapporto come sicuramente indissolubile non è tra i consigli che vi vorremmo dare in questo libro. Dalla sua, il matrimonio ha le caratteristiche della durata, ha la protezione da parte delle strutture esterne, la benedizione da parte dell’autorità religiosa. Esso comporta una serie di impegni, diritti e doveri ben precisi. È un contratto. Tuttavia, a suo favore il fidanzamento ha la trepidazione romantica, l’anticipazione, i voli della fantasia e dell’immaginazione, il rinnovarsi imprevisto ed eccitante ad ogni nuovo incontro. La mancanza di sicurezze esterne porta i due fidanzati a proporsi ogni volta in un modo nuovo ed attraente. Questa ricerca attiva delle sottili dinamiche interne, produce delle vere e proprie “endorfine” della psiche, che da un lato attenuano il dolore del non essere ancora insieme, del non essere sempre insieme, e dall’altro amplificano la sensibilità, le percezioni, le attività dell’intelletto e del sentimento.

LA CABALA STUDIA LA PAROLA “AMORE”


Amore

Secondo Abulafia si possono fare delle ricerche cabalistiche anche su parole non in ebraico, e collegarle con l’ebraico. AMORE si scriverebbe in ebraico (aramaico): Alef – Mem – Vav – Resh – Alef :

 

Le prime due lettere, Alef Mem, formano la parola Em, “madre”.

La madre è il primo esempio d’amore che riceviamo. Com’è noto in psicologia, le carenze in questo campo condizionano ogni esperienza successiva.

Per uscire da tali condizionamenti, Alef – Mem – Vav – Resh, l’amore è anche “Alef Mor”, “la mirra della Alef”. Alef rappresenta la via del singolo, Alef vale uno, sta bene con se stessa. “Mirra” è il potere terapeutico dei buoni profumi. Essa viene però da un qualcosa di amaro, quindi dalla rielaborazione di difficoltà varie. Un “buon profumo”, dice il Cantico, è come un buon nome, cioè buoni rapporti con la gente che ci conosce, amicizie, legami di lavoro. Mordekhai, il maestro – compagno di Ester (uno degli esempi di anime gemelle nella Bibbia ebraica), significa: “la guida della mirra”. Esotericamente parlando, egli Insegnava come seguire le tracce profumate, per quanto delicate e sottili siano. Il profumo è un’anticipazione, un assaggio della bontà e della dolcezza della fonte che lo emette. La segue e la precede, sia nel tempo che nello spazio. “Mirra” viene da “amarezza”, eppure è un balsamo che guarisce e cura, se presa in piccole dosi. Dona durata e longevità. E’ uno dei vettori simbolici dell’immortalità.

Poi, le lettere della parola “amore”, in ebraico, formano la parola “emor”, che significa “dire”. Ciò allude chiaramente alla potenza del parlarsi, del dirsi le cose, del confessarsi ciò che portiamo nel cuore. Il parlare, il comunicare, sono la fonte primaria di alimentazione per l’amore.

Infine, “amore” inizia con una Alef e finisce con una Alef. Dall’Uno all’Uno.

Il suo valore numerico è 248, come il nome sia di Raziel che di Uriel, due dei sette angeli principali.

Nell’Albero della Vita,Chesed, l’Amore, è la prima delle sei Sefirot legate ai movimenti del cuore.

La natura dell’amore è duplice. Il suo scopo primario è di tenere insieme due opposti: uomo – donna, giovane – vecchio, vicino – lontano, ecc. L’amore colma il divario tra due età molto diverse. L’amore fa sentire vicina la persona quando è assente, e aiuta a mantenere un senso di distanza e di rispetto quando si è insieme. Tuttavia, può causare delle strane dinamiche, nelle quali le persone, quando sono troppo vicine, sentono nascere in loro una forza repulsiva, che si manifesta in litigi, in insofferenze. Simbolicamente, riassumiamo la duplice natura dell’amore nell’acqua e nel fuoco. L’amore è come acqua, secondo una delle più frequenti simbologie bibliche. Chesed, la Sefirà che più si avvicina all’amore (ahavà), e con lei tutto il pilastro destro, possiedono la natura dell’acqua. Ricettivo, inoffensivo, l’amore si dà per nutrire e per far crescere. L’amore tende a scendere dall’alto al basso, cerca il livello di minima resistenza, di parità di livelli. Alcuni tra i più famosi incontri tra coppie di anime gemelle, nella Bibbia, avvengono nelle vicinanze di un pozzo d’acqua. Rebecca viene incontrata vicino ad un pozzo. Giacobbe vede Rachele per la prima volta vicino ad un pozzo d’acqua; Moshè incontra Tzippora vicino ad un pozzo, Davide scorge Batsheva per la prima volta mentre si bagna in una piscina.

L’amore come acqua è quello che dura, che non pone i due compagni in forti confronti esistenziali. Ma è anche quello che tende a divenire monotono, eccessivamente tranquillo, ristagnante.

“Le sue fiamme (dell’amore) sono fiamme di un fuoco divino” (Cantico dei Cantici).

L’amore come fuoco è presente nel culmine della passione. È l’energia e il dinamismo che fanno dimenticare fame e freddo, stanchezza e pigrizia, e portano gli amanti ai vertici della passione. È l’urgenza creativa, che illumina la mente e il cuore con nuove idee, con nuove esperienze. È una fonte di vitalità profonda, molto vicina al segreto dell’immortalità. È il fuoco alchemico nel quale vengono cotti i fluidi spirituali dell’uno e dell’altra.

Tuttavia l’amore come fuoco è quello più instabile, impermanente, difficile da controllare. Ha costante bisogno di carburante, di nutrimento. Il suo repentino abbassarsi porta ad una sensazione di delusione profonda, ad un senso di perdita irreparabile. Inoltre, nei momenti di intimità, l’amore come fuoco può ustionare, cioè ferire la sensibilità, lasciare delle bruciature che rimangono a lungo nella vita come memorie di torti subiti. Ciò genera la paura di un nuovo avvicinarsi ad una tale fonte di energia.

L’amore come fuoco può, al culmine della passione, portare la coppia ben oltre i confini del lecito, generando situazioni di difficile rettificazione. Il controllo di tale fuoco, il sapere come domarlo, sono tra le preoccupazioni principali della parte etica delle religioni. Più importante di ciò, questa conoscenza è la parte centrale di alcune tra le maggiori tradizioni esoteriche: La Cabalà., l’Alchimia, ecc.

Tratto dal libro “Maschio e Femmina Li Creò”, Hadar e Meheitavel, il re e la regina che ci insegnano come l’armonia della coppia possa cambiare il mondo.

Clicca qui per acquistare una copia del libro

Leggete alcuni capitoli in anteprima:

Hadar e Meheitavel

L’Amore

I termini indicanti l’atto sessuale


Home page | La nostra scuola |  Seminario Estivo | Viaggio Mistico | Contatti
האתר נבנה במערכת 2all | בניית אתרים