מונה כניסות : 5158714

In questa sezione pubblicheremo
di volta in volta 
nuovi articoli su
temi attuali
_____________

UN



PACIFICO
GIOIOSO
 PROSPERO


PER TUTTI

------------------

Le vostre riflessioni e poesie sull’amore

 

RICCIONE 4-5 MAGGIO 2011

Amerai il Signore tuo D-o con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua forza (Deuteronomio 6,5)

1)   Nel silenzio assoluto io ti parlo di un amore infinito ed eterno (Mirella Russo).

2)   Un tempo tramortita e frantumata nel cuore e nell’anima, dagli abissi più bui e profondi in un impeto estremo ho gridato il tuo nome. Un grido così forte e lungo fino a divenire un canto, una nenia e li ti ho trovato. Mi sono rialzata per protendermi verso il tuo Amore, Luce, Vigore, Gioia, Vita. Caduto il velo ho finalmente letto il senso. Da quell’attimo, ogni mio respiro ha il senso del tuo Amore. Posso amarti e curarti? (Suzana Lotti)

3)    Per me l’amore per D-o è sentirmi pienamente appagato nel decidere di rinunciare alla mia volontà, per fare la sua. (Paolo Panczyk).

4)   Parole del cuore. Il cuore mio eternamente assapora la dolce quiete e non teme il buio. Il lume tuo è sempre acceso per indicarmi l’amore immenso che nel cuor mio hai seminato. (Caterina Marzano).

5)    L’amore verso D-o è apertura: sentire una gioia incontenibile che parte da dentro e si espande tutto intorno a me, in quel momento la gratitudine è infinita verso l’infinito. (Rosalba)

6)   L’amore di D-o per me significa/è: la sensazione di pace, “assenza” che provo quando mi commuovo quando vedo qualcuno provare dolore o felicità. (Nicola).

7)    Pace profonda. Sento il cuore riempirsi di una dolcezza senza causa. È l’attimo diventa eterno e in quell’eterno attimo c’è tutto. L’amore di una madre, la forza di un padre, la carezza dolce di un figlio. E ancora sento gioia e pace e non ho, davvero più bisogno d’altro. (Maria Cristina Sapori).

8)   Quell’attimo breve e infinito di totale assenza di spazio-tempo, quel piangere senza un motivo apparente di fronte all’Annapurna, a 6000 mt. di altezza, nel silenzio più totale. (Maria Luisa Zuccalà).

 

Amerai il prossimo tuo come te stesso, io sono YHVH (Levitico 19,18)

1)     Mi abbassai fino a te per amore di conoscenza. (Mirella Russo).

2)   Per me amare il prossimo è vedere e contattare l’essenza dell’altro, aiutarlo a farla emergere; senza farmi fermare dalle sue ombre e dai suoi limiti umani. (Paolo Panczyk).

3)    Pelle d’ambra. Non rosea, non chiara, d’ambra è la mia pelle. Il desir sì forte che cuor mio brama la mano mia in mano tua, eternamente sia. (Caterina Marzano).

4)   Amare il prossimo per me significa: riconoscere che chiunque incontro nella vita rispecchia chi sono io, finchè non amo incondizionatamente il prossimo vuol dire che non mi amo. Amare il prossimo = amare me stesso. (Nicola).

5)    Riuscire a perdonarmi e amare e accettare gli altri come altre parti di me che non riesco a vedere. (Maria Luisa Zuccalà).

 

ROMA 28 maggio 2001

Sull’amare Dio e il prossimo:

da una poesia di G. Ungaretti

“TAPPETO”
Ogni colore si espande e si adagia negli altri colori
Per essere più solo se lo guardi.

In questa poesia in relazione alla tua richiesta succitata ho colto un legame e precisamente per me Amare D-O si colloca nella capacità che dobbiamo sviluppare nel saper cogliere nell’insieme e nell’armonia dei colori e per quanto riguarda il Prossimo,lo sviluppare sempre questa capacità di saper cogliere poi la singolarità.
Io penso che la padronanza di saper vedere dall’alto e oscillare andando a percepire il singolo colore, ci porta a percorrere la Via Regale di cui tu parli.
Claudio Barbieri

————————–

Solo amando il Creatore sopra ogni cosa e con tutto il tuo cuore e con tutte le tue Forze- possiamo tentare di raggiungerlo. Andando al di sopra della ragione.

Ama il prossimo tuo come te stesso perché è uguale a te : E’ il tuo specchio. Frutto e prodigio della Creazione.
Mario Serra

——————————–

gruppo di Torino, Ruota della Vita, giugno 2011

1 )  “ amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore ,con tutta la tua anima….. ”

1 )  Faccio silenzio in me,

ascolto il suo suono ,

mi parla di Te .

Respiro il silenzio ,

invita il mio cuore ad amarti .

La mia anima ti parla ,

non conosco il suo linguaggio,

ma Dio in me sì .

La gioia nascente sprigiona

l’arcobaleno profumato ,

simbolo della sacra alleanza ,

simbolo del sacro amore .

 

2 ) “ amerai il prossimo tuo come te stesso “

Ti incontro quindi dentro di me ,

della grazia e di amore  si colma il cuore ,

come una grande coppa di cristallo di rocca ,

scintillante di Luce , a diventare Sorgente

di puro amore ,

Sorgente inesauribile , per me , per te ,

per tutti gli esseri .

Veronica Melone

——————————

Se io amo…….

 

 

 

Se io amo è Dio che ama in me

Se io canto è Dio che canta in me

Se io danzo è Dio che danza in me

Volteggio e ardo d’amore nel Suo Amore

Sono pace nella Sua pace

Sono gioia nella Sua gioia

Sono luce nella Sua luce

 

 

 

Marisa Cecilia Forina


Home page | La nostra scuola |  Seminario Estivo | Viaggio Mistico | Contatti
האתר נבנה במערכת 2all | בניית אתרים